13/01/2011. POLASTRI: “REFERENDUM MIRAFIORI: “NESSUNO A TORINO SI IMMAGINA UN RISULTATO NEGATIVO”

Home  »  NEWS  »  COMUNICATI STAMPA  »  13/01/2011. POLASTRI: “REFERENDUM MIRAFIORI: “NESSUNO A TORINO SI IMMAGINA UN RISULTATO NEGATIVO”
Gen 13, 2011 Commenti disabilitati su 13/01/2011. POLASTRI: “REFERENDUM MIRAFIORI: “NESSUNO A TORINO SI IMMAGINA UN RISULTATO NEGATIVO” Stefano Polastri

“A poche ore dall’apertura dei seggi, ritengo non verosimile che l’esito del referendum aCopia_di_12012011 Mirafiori sia negativo. Mi auguri invece che prevalgano i sì e sono certo anche di molto. Nessuno, immagina che a Torino ci possa essere un risultato negativo e quindi non si produca la più grande ricchezza che abbiamo, l’automobile”. Il referendum semplicemente chiede se vogliamo continuare a lavorare o no e ciò mi rende ancor più basito nel vedere e sentire politicizzata ed esasperata questa vicenda che negli anni odierni di globalizzazione e per di più all’uscita di una crisi economica mondiale pesantissima, una sinistra reazionaria che urla e strilla che vive ancora nel mito operaista della presenza militante ai cancelli di Mirafiori (e non a caso i reportage dei giornali dalla Mirafiori sembrano scenari di un’epoca ormai archiviata, quella di Berlinguer che indicava addirittura la strada dell’occupazione della fabbrica).Anche pensando al ruolo fondamentale che Torino ha dato e continua a dare all’Italia, nel 150 anno dell’Unità d’Italia, come me, altre 5000 famiglia direttamente occupate nello stabilimento produttivo di Mirafiori e altre 10000 nelle aziende collegate, potranno godere quella stabilità economica e sociale di questa grande azienda.

Tagged with: , ,