03/07/2015. LIBERALISMO CHI? SI, ALL’ITALIANA

Home  »  Senza categoria  »  03/07/2015. LIBERALISMO CHI? SI, ALL’ITALIANA
Lug 3, 2015 Commenti disabilitati su 03/07/2015. LIBERALISMO CHI? SI, ALL’ITALIANA Stefano Polastri

E’ necessario “dare un adeguato livello di regolazione alle emergenti formule del trasporto non di linea diverse dai servizi di taxi e Ncc basate su piattaforme tecnologiche che offrono servizi di intermediazione su richiesta e con finalità commerciale (Uber, ndr)”. Lo scrive l’Autorità dei Trasporti in una segnalazione a Governo e Parlamento, proponendo di “introdurre obblighi specifici attinenti a piattaforme, a requisiti del conducente, alla qualità ed alla sicurezza del servizio”. E invece con un bell’intervento bipartisan si preclude un’opportunità innovativa ai cittadini a favore come sempre della potente lobby dei tassisti.. E non siamo nemmeno in campagna elettorale o si? Inviterei – continua Polastri – a una seria riflessione, chi si può permettere oggigiorno di spendere più di 2 € a Km per utilizzare il taxi, 45 € una corsa da Piossasco a Porta Susanon so s mi spiego, una giornata di lavoro per un’impiegato. Vorrà dire che siamo già in campagna elettorale, non ci sono altre spiegazioni plausibili.

Liberalismo chi, che?