11/09/2014. POLASTRI: COMMENTI IN MERITO AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 10/09/2014

Home  »  STEFANO NELLE ISTITUZIONI  »  2014- 2019. 20° LEGISLATURA IN CONSIGLIO COMUNALE A PIOSSASCO (TORINO)  »  11/09/2014. POLASTRI: COMMENTI IN MERITO AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 10/09/2014
Set 11, 2014 Commenti disabilitati su 11/09/2014. POLASTRI: COMMENTI IN MERITO AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 10/09/2014 Stefano Polastri

“Prima di tutto vorrei chiarire con decisione e ribadire che, come nella passata legislatura, la mia attività consigliare sarà improntata sulla concretezza senza cadere in demagogia alcuna (che crea alla realtà dei fatti solamente figuracce pubbliche senza dare benefici ai cittadini) valutando di volta in volta le istanze della maggioranza proponendo attivamente alternative e punti di vista utili al benessere dei nostri concittadini. Ma andiamo per ordine – continua Polastri – in sede di consiglio non sono potuto intervenire in quanto il Regolamento non lo permette, voglio farlo comunque adesso:

  • Interrogazione sui box dissuasori. Premesso che i controlli avvengono in maniera occasionale e sempre in presenza della Polizia Locale, certamente dal punto di vista dell’automobilista l’installazione può sembrare a prima vista uno strumento di “punizione”. In questo contesto però anche io personalmente e dopo il confronto con tanti concittadini abbiamo maturato la consapevolezza che quei punti sono realmente “nevralgici” in cui ci si “lascia andare” al piede pesante sull’acceleratore. Con questo strumento deterrente si va a calmierare notevolmente le infrazioni e ne trae vantaggio tutta la circolazione;
  • Mozione 8×1000. Iniziativa lodevolissima condivisibile in tutto per tutto ma, secondo il mio punto di vista vedere prolungare una discussione del genere per quasi 1 ora e mezza è veramente sconcertante. Primo perché una mozione deve essere certamente anticipatamente discussa almeno con la maggioranza e con tutti i gruppi rappresentati in consiglio, secondo sarebbe auspicabile astenersi da fare riferimenti specifici a nomi di schieramenti proprio per dare un senso di collegialità al documento tutti i consiglieri sono stati eletti per rappresentare la città intera. Dal testo originale, integrato dagli aspetti tecnici fondamentali e necessari da parte della maggioranza, per superare un’impasse che pareva insormontabile, ho proposto di eliminare semplicemente i riferimenti ai partiti e si è giunti a una soluzione finalmente condivisa;
  • Progetto “corona verde II“. E’ stata approvata con una condivisa soddisfazione dopo il lavoro svolto buona parte della passata legislatura da me e il mio gruppo con la maggioranza la ratifica alla deliberazione della Giunta Comunale n. 139 del 4/8/2014,relativa al progetto Corona Verde 2.
    Con tale atto il Consiglio comunale ha approvato la scelta della Giunta di dare la propria disponibilità quale capofila del Progetto relativo agli interventi per la riqualificazione del Monte San Giorgio.
    La somma di contributi che verrà impiegata nella realizzazione delle opere previste corrisponde a circa 940 mila euro, derivanti da fondi europei (40%), statali e regionali (40 %), con una quota di cofinanziamento del 20 %a carico di tutti i Comuni coinvolti dal progetto (39.600 euro per la Città di Piossasco).
    La decisione assunta significa consentire il ripristino e la riqualificazione di importanti aree nel Parco del Monte San Giorgio, risorsa naturale e turistica strategica per il nostro territorio, rendendole maggiormente fruibili dai cittadini, e la realizzazione di interventi finalizzati alla conservazione naturalistica.
    Prendo distanza da tutte le polemiche che sono state avanzate durante il consiglio in quanto derivanti dalla semplice demagogia e ad un ostruzionismo che ritengo assurdo e astruso. In particolare voglio rimarcare le argomentazioni in merito alla Cava. Percorsi ciclopedonali, nuove piantumazioni e aree pic nic,renderanno nuovamente  fruibile questo sito e permetteranno finalmente ai cittadini di frequentarlo, dopo anni di interdizione per ragioni di sicurezza. Per motivi di insostenibilità economica e di definizione del rischio di stabilità geologica, valutata dai tecnici della Provincia di Torino, proprietaria del sito, l’intervento non potrà rendere accessibile l’area del piazzale limitrofa al teatro scultura dell’artista Lanza. Questo e altri interventi a 360° sul Monte S. Giorgio, l’area dei Tiri e le aree boscate pubbliche ridaranno ai piossaschesi e a chi si vorrà godere la natura una delle peculiarità che la nostra città ha la potenzialità di offrire.

Concludendo, concretezza serietà e rispetto dell’ordine democratico da parte mia non mancheranno mai e con tutti i mezzi messi a disposizione dal regolamento mi smarcherò da chi vuole interpretare con la politica urlata, con l’arroganza e tesi demagogiche bloccando per ore i lavori del consiglio in modo sconsiderato. Ciò esula dall’essere di destra, sinistra o cosa si voglia. Forza Italia quale forza liberale e moderata deve smarcarsi da chi vuole “dare uno spettacolo” di politica urlata fine a se stessa.

Consigliere Stefano Polastri