L’ARBITRATO PER INTEGRARE LA MEDIAZIONE CIVILE

Home  »  APPROFONDIMENTI  »  MEDIAZIONE CIVILE  »  L’ARBITRATO PER INTEGRARE LA MEDIAZIONE CIVILE
Mar 17, 2012 Commenti disabilitati su L’ARBITRATO PER INTEGRARE LA MEDIAZIONE CIVILE Stefano Polastri

arbitratoRumori, odori molesti, uso degli spazi comuni: tra condomini per cosi dire “pretesti” per litigare non mancano certamente, tanto che pare che oltre un quinto delle cause civili pendenti in Italia riguardano cause condominiali.

Dal 20 marzo questo scenario dovrebbe cambiare profondamente e radicalmente entrando obbligatoria la mediazione civile prima di andare in Tribunale.
«Le vie legali non sempre risolvono i problemi, anzi: se la gente valutasse bene tempi, costi e possibilità di successo, difficilmente deciderebbe di imbarcarsi in un procedimento giudiziale – afferma Stefano Polastri, Segretario Amministrativo del Sim Italia. L’obbligatorietà della mediazione è una novità importante alla quale siamo favorevoli, ma non bisogna dimenticare che da anni esiste un altro rimedio stragiudiziale che consente di risolvere le questioni in tempi ancora più brevi, con costi certi e senza ricorrere a un giudice: l’arbitrato». 
L’arbitrato può sostituire e integrare la mediazione: «Nel caso in cui le parti non giungano a un accordo nella fase di mediazione il rischio e che si debba ricominciare dalla strada “tradizionale” del tribunale. Con l’arbitrato invece si può saltare la mediazione e si arriva subito a una soluzione»